Rappresentazioni patristiche della ricchezza e della povertà

Valentina Toneatto constata che nei loro sermoni e trattati teologici i Padri della Chiesa parlano ampiamente della ricchezza e della povertà, utilizzando spesso un linguaggio metaforico e facendo riferimento a parabole e racconti biblici nei quali sono messi in scena i rapporti fra il povero e il ricco. Queste fonti mostrano l’uso di un vocabolario che rinvia spesso alle emozioni e che merita di essere analizzato per capire come si caratterizzano le due categorie della ricchezza e della povertà, in quali contesti sono usate e quali significati prendono nel discorso prodotto dai vescovi tra IV e VI sec. Considerato che si tratta di fonti prodotte da un autorità politica e spirituale, é interessante verificare il loro valore di testimonianza nell’ambito della rappresentazione delle emozioni. (Text: V. T.)